è stato aggiunto all’elenco progetto.
×

Luce e illuminazione

Luce e illuminazione

  • Flusso luminoso

    Il flusso luminoso definisce tutta la luce emessa da una fonte luminosa in tutte le direzioni.

    Formula: φ
    Unità: Lumen
    Abbreviazione: lm

  • Angolo spaziale

    L’angolo spaziale è una dimensione geometrica che descrive un segmento spaziale all’interno di una sfera. Indica il rapporto tra la dimensione di un’area sulla superficie della sfera e il quadrato del raggio della sfera.

    Formula: Ω
    Unità: steradiante
    Abbreviazione: sr

    A: superficie illuminata (calotta sferica) in m2

    r: Distanza dalla fonte luminosa alla superficie illuminata (raggio della sfera) in m

  • Intensità luminosa

    L’intensità luminosa esprime il rapporto tra il flusso luminoso e un certo angolo spaziale. L’intensità luminosa è una misura per l’irraggiamento di luce da una fonte luminosa in una determinata direzione.

    Formula: I
    Unità: Candela
    Abbreviazione: cd

  • Intensità luminosa

    L’intensità luminosa è la misura della luce che colpisce una superficie. Essa determina il rapporto tra il flusso luminoso su una superficie illuminata e la grandezza della superficie illuminata.

    Formula: E
    Unità: Lux
    Abbreviazione: lx

  • Luminanza

    La luminanza descrive l’impressione di luminosità percepita dall’occhio umano quando osserva una superficie luminosa o illuminata. Si ottiene il valore numerico della luminanza dividendo l'intensità luminosa per la misura della superficie vista dalla distanza di misurazione.

    Formula: L
    Unità: Candela per m2
    Abbreviazione: cd/m2

  • Efficienza luminosa

    L’efficienza luminosa indica l’efficienza con la quale la potenza elettrica assorbita P si trasforma in luce, cioè quale flusso luminoso per watt di potenza elettrica assorbita viene generato da una fonte luminosa.

    Formula: η
    Unità: Lumen per watt
    Abbreviazione: lm/W

 
 
 

Rapido calcolo approssimativo

È possibile calcolare tale numero in ambiente interno ed esterno con un semplice calcolo.

Come altezza del locale si seleziona un valore standard compreso tra 3 e 6 m per ambienti interni. Se l’altezza del locale è superiore, aumenta il numero di apparecchi necessari per ottenere l’intensità luminosa media desiderata.

Per gli ambienti esterni, si considerano altezze punto luce comprese tra 4 e 6 m. Le intensità luminose che normalmente devono essere ottenute in questa situazione sono così ridotte, (circa 10 lx ), che la differenza nelle altezze dei punti luce rientra nella gamma definita su 1 - 2 lx. Questo non può essere percepito ad occhio nudo.

Le dimensioni della superficie e l’intensità luminosa necessaria rientrano di norma nella progettazione illuminotecnica. Occorre rilevare il flusso luminoso totale φtot tramite il quale è possibile definire gli apparecchi necessari e il loro numero.

Il flusso luminoso totale rilevato φtot è diviso per il flusso luminoso φ di un apparecchio selezionato e consente di ottenere il numero di apparecchi teorico.

Questo risultato deve quindi essere diviso solo per il fattore di manutenzione MF dell’apparecchio (definito su 0,8 ).

Si ottiene un valore approssimativo del numero di apparecchi necessari.

La formula:

 
n = Numero di apparecchi
E = intensità luminosa media
A = Superficie
φ = Flusso luminoso dell’apparecchio
φtot = Flusso luminoso totale
MF = Fattore di manutenzione – definito su 0,8


Ambiente esterno
Ambiente interno